In veterinaria il farmaco è proprio più caro? Stampa
Mercoledì 26 Settembre 2012 13:45

In questi giorni è stata lanciata la proposta, sia in ambito politico che nei mezzi di comunicazione, di ridurre i prezzi del farmaco veterinario al pari di quanto si sta facendo in umana. Ora è difficile spiegare al cittadino che per un farmaco veterinario vengono previsti tempi di sospensione che in umana non esistono, che la biodisponibilità dei farmaci ad uso umano non sempre equivalgono in veterinaria e molto ci sarebbe ancora da argomentare, ma lasciamo la parola ad alcuni colleghi che la vedono così...

Professione Veterinaria, anno 2010,
con uno studio commissionato da Anmvi:
"L'importanza del farmaco specie-specifico per una corretta terapia" 

 

Prescrizione veterinaria per principio attivo: guida per il farmacista

di Marco Ternelli

Dal 15 Agosto 2012 è entrata in vigore la famosa norma sulla prescrizione per principio attivo (che poi in realtà non è proprio proprio così). Tale norma si riferisce esplicitamente alle prescrizioni in ambito umano (si parla di medici chirurghi e di prescrizioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale).

Subito alcuni personaggi politici hanno approfittato di questa novità per spararle grosse:
perchè non fare lo stesso anche in ambito veterinario?
Effettivamente è vero che i farmaci ad uso veterinario sono più costosi dei corrispondenti ad uso umano (confrontando la dose di principio attivo), per una serie di motivi tecnici ma validi che è impensabile spiegare al singolo cittadino che ignora quali siano le leggi che normano il farmaco veterinario.

Quindi, nella testa di chi fa certe proposte, se il veterinario prescrivesse per principio attivo, il farmacista dispenserebbe il "generico/equivalente" a minor costo = risparmio per tutti!! Ovviamente le cose non stanno così e ancora una volta abbiamo la dimostrazione (casomai non l'avessimo ancora capito) che chi parla NON sa.

Perché ci sono molti problemi alla prescrizione veterinaria per principio attivo che qui sintetizzo subito con un NON SI PUO' FARE!

Continua la lettura su Farmalegge