Medico e distribuzione del farmaco, qualcosa è cambiato Stampa
Sabato 01 Dicembre 2012 13:09

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale le modifiche apportate in Parlamento sul Decreto Balduzzi diventano legge.

Dall’ 11 novembre 2012 è così possibile per il medico veterinario che tratta animali NDPA di cedere al proprietario le confezioni della propria scorta, nelle quantità necessarie al proseguimento della terapia, anche se non utilizzate.
Viene così modificato il Decreto Legislativo 193/2006, Codice del Farmaco Veterinario, che fino ad ora permetteva al medico veterinario l'avvio del trattamento terapeutico con la confezione già aperta, mentre il proprietario doveva procurarsi poi i medicinali veterinari dietro presentazione della ricetta medico veterinaria. Invece
per la cessione dal medico veterinario all' allevatore rimane possibile solo la confezione di inizio terapia.

Il comma 3 dell'articolo 84 del decreto legislativo 6 aprile 2006, n.193, e' sostituito dal seguente:
«3. Il medico veterinario, nell'ambito della propria attività e qualora l'intervento professionale lo richieda, può consegnare all'allevatore o al proprietario degli animali le confezioni di medicinali veterinari della propria scorta (e da lui già utilizzate) e, nel caso di animali destinati alla produzione di alimenti, solo quelle da lui già utilizzate, allo scopo di iniziare la terapia in attesa che detto soggetto si procuri, dietro presentazione della ricetta redatta dal medico veterinario secondo le tipologie previste, le altre confezioni prescritte per il proseguimento della terapia medesima, fermi restando gli obblighi di registrazione di cui all'articolo 15 del decreto legislativo 16 marzo 2006, n.158, e successive modificazioni.Il medico veterinario, in deroga a quanto stabilito dal comma 4 del presente articolo e dall'articolo 82, registra lo scarico delle confezioni da lui non utilizzate.».